PROSCIUTTO COTTO A STAMPO AL MIELE - 8/9 kg

2341

Nuovo prodotto

PROSCIUTTO COTTO A STAMPO AL MIELE - 8/9 kg Expand

PROSCIUTTO COTTO A STAMPO AL MIELE - 8/9 kg

(37,00 €/kg)

I primi a pensare di cuocere la coscia  di maiale sono stati i Romani, che la lessarono con abbondanza di fichi secchi e foglie di alloro, per poi rivestirla di miele e cuocerla in crosta.

Originariamente, il prosciutto cotto era diffuso nel Nord, in Piemonte, ma anche in Lombardia, Emilia Romagna e Liguria, con una sparuta propaggine laziale.

Le sue origini si perdono nella notte dei tempi.  Il prosciutto cotto era cibo prelibato, degno delle tavole dei signori, come quelle degli Sforza, del Vaticano e dei Gonzaga, per i quali l’estroso Bartolomeo Stefani approntava ricette sfarzose . Più tardi anche all’estero il coscio forniva grande ispirazione ai cuochi: i grandi cotti di Francia, che nell’800 avevano intrapreso la via della commercializzazione, si affermavano come alimento simbolo della borghesia nazionale.

In Friuli intanto l’avventura rocambolesca di un pioniere inaugurava una nuova stagione. Stefano Dukcevich, facoltoso commerciante di carni e di bestiame di Zagabria aveva avviato un laboratorio da cui diffonderà delizie sulle tavole dei buongustai.

Il suo prosciutto cotto era pregiato e ancora oggi il cotto triestino viene ancora apprezzato per la sua raffinata lavorazione (viene salmistrato manualmente, dolcemente massaggiatoaffumicato con legno di faggio, e cotto a vapore completo di osso).

Maggiori dettagli

100 Articoli

333,00 €

Spediamo in tutto il mondo

Consegne in 24/72h

Tutta la merce viaggia assicurata

Consegna certificata HCCP

Dettagli

PROSCIUTTO COTTO A STAMPO AL MIELE - 8/9 kg

(37,00 €/kg)

I primi a pensare di cuocere la coscia  di maiale sono stati i Romani, che la lessarono con abbondanza di fichi secchi e foglie di alloro, per poi rivestirla di miele e cuocerla in crosta.

Originariamente, il prosciutto cotto era diffuso nel Nord, in Piemonte, ma anche in Lombardia, Emilia Romagna e Liguria, con una sparuta propaggine laziale.

Le sue origini si perdono nella notte dei tempi.  Il prosciutto cotto era cibo prelibato, degno delle tavole dei signori, come quelle degli Sforza, del Vaticano e dei Gonzaga, per i quali l’estroso Bartolomeo Stefani approntava ricette sfarzose . Più tardi anche all’estero il coscio forniva grande ispirazione ai cuochi: i grandi cotti di Francia, che nell’800 avevano intrapreso la via della commercializzazione, si affermavano come alimento simbolo della borghesia nazionale.

In Friuli intanto l’avventura rocambolesca di un pioniere inaugurava una nuova stagione. Stefano Dukcevich, facoltoso commerciante di carni e di bestiame di Zagabria aveva avviato un laboratorio da cui diffonderà delizie sulle tavole dei buongustai.

Il suo prosciutto cotto era pregiato e ancora oggi il cotto triestino viene ancora apprezzato per la sua raffinata lavorazione (viene salmistrato manualmente, dolcemente massaggiatoaffumicato con legno di faggio, e cotto a vapore completo di osso).

Scheda tecnica

Prodotto venduto su Preordinazione
Produttore

Reviews

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Write a review

PROSCIUTTO COTTO "SAN GIOVANNI" AL MIELE - 10/11 kg

PROSCIUTTO COTTO "SAN GIOVANNI" AL MIELE - 10/11 kg

(40,00 €/kg)

È ottenuto dalla coscia intera fresca di suino pesante padano selezionata per il crudo di Parma, disossata “chiusa”, con salamoia siringata nella vena femorale e legatura a mano. Nella concia assenti glutammato, polifosfati, glutine e derivati del latte. Gli aromi sono dati da un'infusione di spezie e verdure fresche. Fetta ampia con la carne di un bel colore rosato giustamente marezzata e circondata da 3 dita di grasso. Profumi di carni suine maturi, dolci e sapidi, di buona intensità e persistenza. Delude leggermente in bocca: la sapidità risulta un po' corta, la masticabilità migliorabile per una lieve mancanza di succosità e scioglievolezza del grasso, le sensazioni aromatiche non molto evidenti.

Accept Site use cookies